Laboratorio di cucina

Il bambino nella prima infanzia, ha un approccio multimodale alla realtà, che avvicina con un coinvolgimento di tutti i suoi organi di senso.

L’incontro con un nuovo oggetto o persona è accompagnato non solo da sguardi, ma anche da manipolazioni, da scuotimenti, da annusate e da “assaggiate”.

Cucinare è un’attività molto gradita dai bambini piccoli, perché vicina al loro modo di avvicinarsi alla realtà.

E’ un’attività molto stimolante dal punto di vista cognitivo, perché ricca di spunti di osservazione ed esperienze che sono alla base della comprensione dei concetti base della fisica, della chimica, della matematica.. basta pensare, che spesso a scuola, gli insegnanti spiegano il frazionamento ricorrendo al disegno di una torta che viene suddivisa in parti.

Se questa torta, anziché essere solo disegnata, viene preparata, cucinata e poi divisa con i compagni, poiché è più facile “imparare facendo”, capire – e ricordare- cosa significano 1/8 o 3/4 , sarà molto più semplice per un bambino.

Inoltre, lo stimolo del “cucinare insieme”  fornisce importanti opportunità di relazione e di socializzazione, facilita l’accettazione, la comprensione ed il superamento dei propri limiti, avvicina il bambino ad apprezzare la possibilità di accettare l’aiuto di adulti e dei compagni, e di provare per questo gratitudine.

Attraverso la manipolazione dei cibi e il cucinare, il bambino acquisisce:

  • Autonomia emotiva
  • Autostima
  • Sviluppo motorio
  • Conoscenza di sé
  • Socializzazione
  • Sviluppo cognitivo

Inoltre impara delle buone abitudini come lavarsi le mani, prima e dopo aver cucinato, e lavarsi i denti dopo aver mangiato.